Titolo:Esercizi di laboratorio in citofluorimetria
A chi si rivolge:Biologi, medici, tecnici di laboratorio biomedico
Date di apertura corso:dal 16/06/2014 al 15/06/2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:10 ore
Crediti formativi ECM:10
Responsabile scientifico:Alessandro Buriani
Docenti:Anna Signorelli, Giovanni Lenzo
Verifica apprendimento:Questionario a scelta multipla
Quota di partecipazione:50,00 euro + IVA
Descrizione:L’evento formativo "Esercizi di Laboratorio in Citofluorimetria" consiste in una raccolta di 10 casi reali di diagnostica di laboratorio destinati alla formazione continua di medici, tecnici sanitari di laboratorio biomedico e biologi, operanti nei settori dell'Ematologia ed Immunologia, in particolare nell'analisi delle sottopopolazioni linfocitarie tramite citofluorimetria. moduli: ciascun esercizio è presentato secondo lo schema del "Problem Based Learning" e curato da un laureato in Biologia con la supervisione di un medico specialista del settore. È possibile affrontare gli esercizi in qualsiasi ordine, l’importante è averli completati tutti prima dell’invio del test finale. Il tempo stimato per la valutazione di tutti e dieci i casi, per lo studio dei materiali di supporto e per la compilazione del questionario finale è di 10 ore. Test: Per ogni esercizio sono previste una serie di domande con risposte a scelta multipla e solo nel caso di risposte esatte per almeno il 75% del totale la prova sarà considerata superata. l’obiettivo principale dell’evento è quello di far acquisire ai partecipanti conoscenze teoriche e aggiornamenti in tema di diagnostica di laboratorio ed in particolar modo di citofluorimetria applicata all’analisi delle sottopopolazioni linfocitarie. Tale obiettivo verrà raggiunto tramite l’analisi di casi specifici reali raccolti in un laboratorio analisi. acquisizione competenze tecnico-professionali: i partecipanti acquisiranno competenze specifiche nell’ambito dell’analisi delle sottopopolazioni linfocitarie in quanto, avendo a disposizione un’anamnesi, i risultati dell’emocromo e quelli dell’analisi citofluorimetrica per differenti casi studio, dovranno fornire le loro considerazioni e valutazioni.
Titolo:Casi clinici in ematologia
A chi si rivolge:Medici
Date di apertura corso:dal 30 giugno 2014 al 29 giugno 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:10 ore
Crediti formativi ECM:10
Responsabile scientifico:Giovanni Lenzo
Docenti:Giovanni Lenzo, Marina Farnesi
Verifica apprendimento:Elaborato scritto
Quota di partecipazione:50,00 euro + IVA
Descrizione:L'evento formativo "Casi clinici in ematologia" consiste in una raccolta di casi reali di ematologia destinati alla formazione continua dei medici, soprattutto operanti nel settore dell'ematologia. caratteristiche: il corso consiste nella presentazione di casi clinici, comprendente anamnesi e dati di laboratorio, volti alla formulazione di una diagnosi. test: al termine di ciascun caso clinico, verrà chiesto di esprimere il sospetto diagnostico e l'indirizzo terapeutico. la risposta sarà quindi vagliata dal medico che ha curato il relativo caso clinico. l'esito sarà comunicato all'indirizzo di posta elettronica dell'utente. Solo le risposte saranno considerate soddisfacenti, il partecipante potrà acquisire i crediti formativi. l'obiettivo principale dell'evento è quello di far acquisire conoscenze teoriche e aggiornamenti in tema di problematiche diagnostiche e riflessioni cliniche attinenti a patologie ematologiche con particolare attenzione agli aspetti diagnostici di medicina di laboratorio acquisizione competenze tecnico-professionali: I partecipanti acquisiranno competenze specifiche nell'ambito dell'analisi e della risoluzione di casi clinici in ambito ematologico. Avendo a disposizione la storia clinica, l'anamnesi e le analisi di laboratorio corredate anche da immagini di microscopia, dovranno fornire le loro ipotesi diagnostiche.
Titolo:Verifica e Revisione di Qualità: controllo di qualità e miglioramento nell'esercizio della diagnostica per bioimmagini.
A chi si rivolge:Medici radiologi
Date di apertura corso:dal 7 luglio 2014 al 6 luglio 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:10 ore
Crediti formativi ECM:10
Responsabile scientifico:Veronica Macchi
Docente:Veronica Macchi
Verifica apprendimento:Prova scritta
Quota di partecipazione:75,00 euro + IVA
Descrizione:l'evento avviene tutto in modalità FAD (autoapprendimento senza tutoraggio). l'evento formativo consiste in una raccolta di 10 casi reali di diagnostica per bioimmagini destinati alla formazione continua di medici specializzati in radiodiagnostica. moduli: Le immagini messe on-line, relative a ciascun caso clinico, vengono curate da uno specialista del settore. è possibile affrontare i casi clinici in qualsiasi ordine, l'importante è averli completati tutti prima dell'invio del test finale. Il tempo stimato per la valutazione di tutti e dieci i casi, per lo studio dei materiali di supporto e per la compilazione di ogni referto è di 10 ore. Tale materiale è a disposizione on-line e ciascuno specialista-partecipante deve valutare le immagini ed esprimere il proprio referto. Il tutor ha anche il compito di valutare e dare un giudizio ai referti scritti on-line dai partecipanti, nonché di fornire attraverso una comunicazione via mail, tutto il supporto di cui i partecipanti dovessero necessitare: difficoltà di collegamento, difficoltà a visualizzare correttamente le immagini, difficoltà nella comprensione dei casi, difficoltà nell'inserire la refertazione. test: la valutazione dei referti costituisce la prova di apprendimento del Corso e solo nel caso il tutor del corso reputi corretti almeno il 75% del totale dei referti, la prova sarà considerata superata. l'obiettivo principale dell'evento è quello di far acquisire ai partecipanti conoscenze teoriche e aggiornamenti in tema di diagnostica per bioimmagini. Tale obiettivo verrà raggiunto tramite l'analisi di immagini radiologiche di varie metodiche (radiologia tradizionale, TC, RM) opportunamente rese anonime, da casi clinico‐radiologici selezionati o estratti dalla rivista Radiology e New England Journal of Medicine. acquisizione competenze tecnico‐professionali: i partecipanti acquisiranno competenze specifiche nell'ambito della diagnostica per bioimmagini, in quanto, avendo a disposizione l'anamnesi e le immagini radiologiche per differenti casi studio, dovranno fornire le loro considerazioni e valutazioni.
Title:Exercises in Flow Cytometry
Recipients:Physicians, Biologists and Laboratory technicians
Dates:from 22 July 2014 to 21 July 2015
Pre-enrollment or information:Write to elearning@cybermedica.it or call +39.049.865.03.74 during office hours
Estimated duration:10 hours
Italian CME credits:10 Italian credits can be validated in other Countries according to specific international agreements
Scientific referee:Alessandro Buriani
Teachers:Giovanni Lenzo, Anna Signorelli
Assessment of participants:Questionnaire (multiple answers and double randomization)
Fee:60,00 euro + VAT
Description:The course consists of a collection of 10 real cases of immunocytofluorimetric laboratory tests, addressed to medical doctors , laboratory technicians and biologists, operating in the fields of hematology and immunology, with a focus on flow cytometric analysis of lymphocyte subpopulations. The English text was edited by professionals with medical and scientific background. units : Each exercise is presented using the "Problem Based Learning" method, reviewed by a biologist and supervised by a medical specialist in the field. The estimated time for accomplishing the tests is around 10 hours test: for each exercise a series of questions with multiple choice answers are provided. the test will be considered passed with 75 % of correct answers. the course will be delivered entirely in English, with the aim of exercising professionals on the medical terminology of scientific English. the main objective of the event is to let participants acquire theoretical knowledge and updates in the field of laboratory diagnostics and particularly of flow cytometry applied to the analysis of lymphocyte subpopulations. This will be achieved through the analysis of specific cases selected from real laboratory analysis. acquisition of technical and professional skills: participants will gain specific skills in the analysis of lymphocyte subpopulations. In particular, specific medical history will be given for each case, together with the results of blood counts and of flow cytometric analysis of lymphocyte subpopulations. For each different case study the participants will provide their comments and feedbacks. The use of the English language with its medical specific terminology will also allow participants to acquire linguistic competences in the field of hematology and immunology.
Title:Case reports in hematology
Recipients:Physicians
Dates:from 25 July 2014 to 24 July 2015
Pre-enrollment or information:Write to elearning@cybermedica.it or call +39.049.865.03.74 during office hours
Estimated duration:10 hours
Italian CME credits:10 Italian credits can be validated in other countries according to specific international agreements
Scientific referee:Giovanni Lenzo
Teachers:Giovanni Lenzo, Marina Farnesi
Assessment of participants:Written test
Fee:50,00 euro + VAT
Description:The course is delivered in e-learning mode (self-learning without tutoring). The continuing education event "Case reports in hematology", consists of a collection of real cases from hematology clinic repertoire. The English text was edited by professionals with medical and scientific background. Units: Each case report is presented using the "Problem Based Learning" method, reviewed by a medical specialist in the field. The estimated time for accomplishing the reports is around 10 hours. at the end of each case report, the participants will be asked to give the hypothesis of the suspected diagnosis and therapy. the answers will then be examined by the teacher who will comunicate the outcome to the participant by e-mail. Only if the feedback will be considered satisfactory by the teacher, the participant will acquire ECM credits. the course will be delivered entirely in English, with the aim of exercising professionals on the medical terminology of scientific English. the main objective of the event is to let participants acquire theoretical knowledge and updates in the field of haematological disorders with particular attention to laboratory medicine. acquisition of technical and professional skills: Participants will gain specific skills in the analysis and resolution of clinical cases in the field of hematology . In particular, specific medical history will be given for each case, together with the results of laboratory analysis. for each different case study the participants will be asked to provide their comments and feedbacks. the use of the English language with its medical specific terminology will also allow Italian participants to strengthen linguistic competences in the field of hematology and immunology.
Titolo:Corso di formazione dei lavoratori in merito al rischio in ambito lavorativo ai sensi del d. Lgs. 81/08 e dell'accordo stato-regioni del 21.12.2011 per operatori sanitari
A chi si rivolge:Tutte le professioni. nel caso di operatori sanitari, saranno assegnati 6 crediti ECM
Date di apertura corso:Dal 18 novembre 2014 (data a partire dalla quale sarà possibile iscriversi al corso) al 17 novembre 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:4 ore
Crediti formativi ECM:6
Responsabile scientifico:Andrea Nencioni
Docente:Andrea Nencioni
Verifica apprendimento:Prova orale in presenza o in videoconferenza
Quota di partecipazione:come da scheda iscrizioni
Descrizione:

L’evento avviene tutto in modalità FAD (autoapprendimento con tutoraggio), i contenuti sono suddivisi in 6 moduli teorici della durata complessiva di 4 ore:

  • modulo 1: Concetti di: rischio, danno, prevenzione, protezione
  • modulo 2: La valutazione dei rischi
  • modulo 3: La normativa
  • modulo 4: L’organizzazione della Prevenzione aziendale
  • modulo 5: Diritti, doveri, sanzioni per i vari soggetti aziendali
  • modulo 6: Organi di vigilanza, controllo, assistenza

Ogni modulo prevede la presentazione di materiale con commenti da parte del tutor del corso che attraverso delle immagini esemplificative approfondisce i contenuti del modulo.
Le tematiche del modulo vengono approfondite anche attraverso la possibilità di scaricare materiale legislativo in materia.
Il tutor del Corso è un esperto a disposizione per la gestione del percorso formativo, in possesso di esperienza nell’ambito professionale e di docenze, in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro maturata nei settori privati.
Il tutor è a disposizione per intervenire via mail con modalità e tempi predefiniti, con una differita massima di 48 ore dalla richiesta. In questo modo viene garantito un percorso di formazione individuale e di apprendimento dinamico che può prevedere una gestione di approfondimenti specifici sulla realtà lavorativa aziendale del partecipante.
Per ogni modulo teorico viene indicata la durata del tempo di studio previsto ed è possibile memorizzare i tempi di fruizione (ore di collegamento) ovvero dare prova che l'intero percorso è stato realizzato.
Al termine di ogni modulo è prevista una prova di autovalutazione (domande a risposta chiusa con 4 possibilità di scelta).
L'accesso ai moduli successivi avviene soltanto a seguito del superamento della prova di autovalutazione relativa al modulo precedente, in questo modo viene garantito un percorso di formazione obbligato, che non consente di evitare una parte del percorso.
È possibile ripetere la lettura dei moduli così come la compilazione delle autovalutazioni e ne rimane traccia, in modo da tenerne conto in sede di valutazione finale.
È inoltre possibile effettuare stampe del materiale utilizzato per le attività formative. Al termine dell’intero percorso di formazione, avviene la verifica di apprendimento finale, tramite una prova orale in presenza fisica del partecipante e del tutor, oppure attuata tramite videoconferenza.

Requisiti tecnici:Un computer con sistema operativo recente (minimo Windows 7), connessione internet, un browser aggiornato (minimo Explorer 9) e Acrobat reader installato
Titolo:Prevenzione e controllo delle infezioni: igiene delle mani per operatori sanitari
A chi si rivolge:A tutte le professioni. Nel caso di operatori sanitari, saranno assegnati 4,5 crediti ECM
Date di apertura corso:Dal 21 ottobre 2014 (data a partire dalla quale sarà possibile iscriversi al corso) al 21 ottobre 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:3 ore
Crediti formativi ECM:4,5
Responsabile scientifico:Alessandro Buriani
Docenti:Stefano Fortinguerra, Lisa Volpato
Verifica apprendimento:Questionario a risposta multipla
Quota di partecipazione:25,00 euro + IVA
Descrizione:

il tema della sicurezza del paziente, ossia l'insieme delle azioni mirate a prevenire i rischi evitabili per il paziente derivanti dall'assistenza sanitaria, è diventato negli ultimi anni centrale per i servizi sanitari. tra i più frequenti rischi evitabili vi sono le infezioni correlate all'assistenza (ICA), per loro natura legate alle pratiche sanitarie e alla sicurezza sia del paziente che dell'operatore. l'OMS considera l'igiene delle mani come una delle azioni più efficaci per prevenire il rischio di diffusione delle infezioni, ed ha messo a punto delle linee guida sull'igiene delle mani in assistenza sanitaria che incoraggiano la partecipazione degli operatori sanitari, dei pazienti e dei loro familiari al fine di promuovere l'igiene delle mani.

Il corso si propone di promuovere le raccomandazioni sull'igiene delle mani dell'organizzazione mondiale della sanità, allo scopo di sensibilizzare gli operatori sanitari all'adesione alle procedure previste in un'ottica di prevenzione e controllo delle infezioni. l'obiettivo del corso è che gli operatori sanitari eseguano una corretta igiene delle mani nei cosiddetti "cinque momenti fondamentali" (sax et al., 2007a), che individuano spazialmente (area del paziente e ambiente circostante, siti contaminati e siti sterili) e temporalmente ("indicazioni") i momenti in cui è necessario provvedere all'igiene delle mani, chiamati "opportunità". brevemente l'igiene delle mani può essere praticata frizionando le mani con un prodotto a base alcolica oppure lavandole con acqua e sapone in base a dei criteri precisi e va effettuata presso il "punto di assistenza", ovvero il luogo ove sono presenti contemporaneamente il paziente, l'operatore sanitario e dove viene effettuata una cura o trattamento che prevede il contatto con il paziente o il suo ambiente.

Per favorire l'apprendimento verranno proposti dei materiali dimostrativi di situazioni assistenziali in cui è prevista l'igiene delle mani. Il materiale messo on-line viene preparato da personale competente e poi valutato da un'equipe di specialisti che fanno parte del comitato tecnico scientifico di aziende sanitarie ambulatoriali. I docenti, con il supporto del responsabile scientifico dell'evento, hanno anche il compito di valutare e dare un giudizio alla prova di apprendimento che verrà somministrata, e di fornire attraverso una comunicazione via mail, tutto il supporto di cui i partecipanti dovessero necessitare.

Acquisizione competenze tecnico-professionali:
i partecipanti acquisiranno competenze sui momenti e sulle modalità dell'igiene delle mani nell'assistenza sanitaria, come indicato nelle linee guida specifiche messe a punto per la campagna "Clean Care is Safer Care" dell'organizzazione mondiale della sanità (OMS). In particolare l'operatore sanitario apprenderà quando è indicato effettuare l'igiene delle mani nei vari momenti dell'assistenza sanitaria ("i cinque momenti fondamentali"), con che modalità e a quale scopo.

Programma dettagliato:

Prima sessione: nella prima parte del corso verrà introdotto il tema delle ICA infezioni correlate all'assistenza e verrà presentata la campagna mondiale dell'OMS "Clean care is safer care". al partecipante verrà chiesto di leggere alcuni materiali sulle tematiche trattate e verranno forniti alcuni link di approfondimento, l'apprendimento delle nozioni verrà valutato in un apposito questionario a risposta multipla. l'accesso alla sessione successiva prevede il superamento del test.

Seconda sessione: la seconda parte del corso approfondirà i momenti e le modalità di igiene delle mani per gli operatori sanitari, attraverso dei materiali proposti dall'OMS all'interno della campagna mondiale. Verrà chiesto al partecipante di leggere in maniera approfondita alcune parti delle Linee guida per l'igiene delle mani in assistenza sanitaria e di svolgere delle esercitazioni.

Test: Questionario finale con domande con risposte a scelta multipla e solo nel caso di risposte esatte per almeno il 75% del totale la prova sarà considerata superata.

Title:Infection prevention and control: Hand hygiene for healthcare professionals
Recipients:For all professions. For healthcare personnell 4.5 Italian CME credits will be assigned upon completion of the course. Such credits are recognized in other Countries according to specific international agreements
Dates:Starting October 24th 2014, when it will be possible to enroll, till October 24th 2015
Pre-enrollment or information:Write to elearning@cybermedica.it or call +39.049.865.03.74 during office hours
Estimated duration:3 hours
Italian CME credits:4.5 Italian credits can be validated in other countries according to specific international agreements
Scientific referee:Alessandro Buriani
Teachers:Stefano Fortinguerra, Lisa Volpato
Assessment of participants:Questionnaire (multiple answers and double randomization)
Fee:25,00 euro + VAT
Description:

Patient safety and the set of actions aimed at preventing avoidable risks for the patient arising from health care, has in recent years become a central issue for healthcare services. Among the most frequent avoidable risks are the health care-associated infections (HCAI), closely related to healthcare practices as well as safety of both the patient and the operator. The WHO regards hand hygiene as one of the most important actions to prevent the risk of HCAI, and has developed Guidelines on hand hygiene in healthcare, promoting it among health professionals, patients and their families.

The course aims at promoting hand hygiene recommendations and guidelines of the World Health Organization among healthcare workers, in order to raise awareness among health professionals. Performing proper hand hygiene is the core of the course for health professionals according the so-called "five key moments in healthcare services", which identify spatially (area of the patient and surroundings, potentially contaminated sites) and temporally, the moments when it is necessary to perform hand hygiene. Hand hygiene can be practiced by rubbing hands with an alcohol-based product or by washing with soap and water, following specific guidelines, and should be done at the " point of care ", i.e. the place where the patient and the healthcare worker are simultaneously and where a cure or treatment that involves contact with the patient or his environment occurs.

Acquisition of technical and professional skills

participants will acquire skills on when and how to perform hand hygiene in healthcare services, as indicated in the specific guidelines developed by the World Health Organization (WHO) for the campaign "Clean Care is Safer Care". In particular the healthcare worker will learn when it is necessary to perform hand hygiene in healthcare services ("the five key moments"), how and why.

Detailed program

First session: in the first part of the course the theme of the ICA associated infections will be introduced and the WHO global campaign "Clean care is safer care" presented. The participant will be asked to read some materials on the issues and links will be provided for further reading. A questionnaire will then be administered to the participants in order to access the next session.

Second session : The second part of the course will focus on the moments and the mode of hand hygiene for healthcare workers , using materials provided by the WHO campaign. The participants will be asked to read in detail some the Guidelines for hand hygiene in healthcare and to perform selected exercises.

Test: a final questionnaire with multiple choice questions will be administered with a 75% correct answers requirement.

Titolo:Esperienze di gestione di problematiche di natura etica in ambito sanitario ambulatoriale
A chi si rivolge:Tutte le professioni. nel caso di operatori sanitari, saranno assegnati 10 crediti ECM
Date di apertura corso:Dal 28 ottobre 2014 (data a partire dalla quale sarà possibile iscriversi al corso) al 28 ottobre 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:10 ore
Crediti formativi ECM:10
Responsabile scientifico:Alessandro Buriani
Docenti:Alessandro Buriani e Anna Signorelli
Verifica apprendimento:Test a scelta multipla
Quota di partecipazione:80,00 euro + IVA
Descrizione:

L'obiettivo principale dell'evento è di permettere agli operatori sanitari di mettere a fuoco la dimensione etica nel proprio lavoro e di acquisire conoscenze di base sulle infrastrutture e le modalità operative della gestione delle problematiche di natura etica nell'ambito dei servizi sanitari ambulatoriali. Tra i documenti verrà presentato un quadro etico di riferimento nell'ottica di condividere le linee di condotta, le buone pratiche, diritti, doveri e responsabilità, a condizione di reciprocità con colleghi e pazienti.

Chi gestisce o lavora in un'azienda di servizi sanitari si trova spesso a dover affrontare scelte che possono avere implicazioni di natura etica o morale, vuoi perché possono avere ricadute sulla vita privata delle persone, sulla loro integrità fisica e psicologica, sui loro principi o regole etiche, sui valori e sulla difesa dei diritti della persona, vuoi per l'impatto sociale, anche in contesti specifici, che alcune scelte possono avere. L'importanza degli aspetti etici e la delicatezza della materia trattata richiede un'attenzione particolare da parte degli operatori sanitari, che si trovano spesso a contatto con situazioni di fragilità e di vulnerabilità umana. L'utente viene posto al centro della propria attenzione, curandone le esigenze nel rispetto della delicatezza dei problemi e delle necessità di ogni persona con l'obiettivo di realizzare il miglioramento continuo di ogni processo e di ogni approccio, con interventi coordinati che consentano servizi multidisciplinari al fine di agevolare, per quanto possibile, la domanda di molteplici problematiche sanitarie, senza discriminazioni di età, di lingua, di razza, di nazionalità, di sesso, di orientamento sessuale e di identità di genere, di condizione, di religione, di fede politica.

Solo un approccio globale al bene del paziente consente di assumere in maniera corretta la decisione su un trattamento. Adottare un simile approccio, che non si limita a considerare il singolo organo o la singola patologia, ma il paziente nella sua interezza, è il modo migliore per rispettare la dignità umana. Gli stessi principi tradizionali della bioetica (beneficità/non maleficità, autonomia, giustizia) sono intesi come specificazioni di ciò che in concreto richiede il rispetto per la dignità di ogni paziente. Infatti, il primo modo in cui noi rispettiamo ciascun essere umano e il suo valore intrinseco è quello di fare il suo bene in termini di tutela della sua salute e della sua integrità psicofisica (soppesando costi e benefici dei vari trattamenti), e di evitare allo stesso tempo di causargli dei danni (primum non nocere). In secondo luogo il rispetto della dignità umana richiede che sia rispettata l'identità delle persone, che si esprime in modo prioritario nelle loro scelte libere e informate. Infine, quando si assumono delle scelte nell'ambito della salute è necessario considerare anche il parametro della giustizia, per fare in modo che tutti ricevano lo stesso livello di cure. Per questi motivi risulta essenziale, prima di intraprendere un trattamento o dare un servizio sanitario, valutare con attenzione se esso è appropriato e coerente con il bene globale del paziente. Possiamo riassumere i valori di riferimento in ambito sanitario in: centralità dell'utente, eccellenza clinica, innovazione medico scientifica e tecnologica, trasparenza e completezza nella comunicazione, valorizzazione professionale del capitale umano, sicurezza, onestà.

Il quadro etico di riferimento è un documento che raccoglie e razionalizza le problematiche di natura etica, ne definisce le linee guida e le modalità di gestione a tutti i livelli. Il quadro etico contiene le linee di condotta, buone pratiche, diritti, doveri e responsabilità, che le aziende sanitarie possono assumere espressamente, a condizione di reciprocità, nei confronti dei propri stakeholder interni ed esterni: utenti, personale sanitario e non, amministratori, organizzazioni di rappresentanza, consulenti, pubblica amministrazione, medici invianti, fornitori ed appaltatori, partner, assicurazioni e enti previdenziali, associazioni, media e collettività.

Il corso si propone di presentare un quadro di riferimento di principi etici e di linee guida comportamentali che vengono messi a disposizione degli operatori sanitari per affrontare scelte di natura etica e di capire quali possono essere, nell'ambito delle strutture sanitarie, gli strumenti a disposizione, come appunto il quadro di riferimento, i codici, i regolamenti, il Comitato Etico Aziendale e gli altri comitati etici previsti dalle normative. Verranno quindi portati esempi di casi reali che si possono riscontrare nella realtà quotidiana di un' azienda di servizi sanitari e di quali possono essere delle linee guida per affrontarli. acquisizione competenze tecnico-professionali: verranno acquisite competenze sulle modalità di ricorso ai comitati etici e sull'utilizzo di linee guida e modulistica esemplificativa per la segnalazione di problematiche di natura etica e la gestione di situazioni con implicazioni etiche.

Acquisizione competenze di processo: verranno acquisite competenze relative al processo di gestione delle problematiche di natura etica in ambito sanitario.

Title:Ethics In Healthcare Services (experiences in the daily management of bioethical issues in healthcare)
Recipients:for all professions. For healthcare personnell 10 Italian CME credits will be assigned upon completion of the course. Such credits are recognized in other Countries according to specific international agreements.
Dates:From 29 october 2014 to 29 october 2015
Estimated duration:10 hours
Italian CME credits:10 italian credit. Can be validated in other Countries according to specific international agreements.
Scientific referee:Alessandro Buriani
Teachers:Alessandro Buriani, Anna Signorelli
Assessment of participants:Questionnaire (multiple answers and double randomization)
Fee:80,00 euro + VAT
Description:

Those who manage or work in an healthcare service environment are often faced with choices that can have ethical or moral implications, either because they can have direct impact on people's private lives, their physical and psychological integrity, their principles or ethical rules, on their values. The importance of the ethical dimension in healthcare deserves a special attention from healthcare professionals, considering the sensitive nature of the services that often expose situations of fragility and vulnerability of human existence. The patient is placed at the center of the attention, and care has to be taken to secure a high quality and safe healthcare service to everybody, regardless of age, language, race, nationality, sex, sexual orientation and gender identity, status , religion, political belief.

Only a comprehensive approach aimed at the wellness of the patient allows a proper decision on treatment. Adopting a similar approach, which does not just consider the single organ or single disease, but the patient as a whole, is the best way to respect human dignity. In fact, the protection of the intrinsic value of every human being ( which we call dignity ) is the ultimate aim of every community ( as solemnly proclaimed in the UN Universal Declaration of Human Rights) and should therefore be the reference point of each practice including medical practice. The same traditional principles of bioethics (beneficience/non maleficience, autonomy and justice) specify what is requested for the dignity of each patient. The first way in which we respect every human being and its intrinsic value is to protect its physical and mental integrity, and at the same time to avoid damage ( primum non nocere ). Secondly, the respect for human dignity requires that the identity of the people is respected, which is expressed as a priority in their free and informed choices. Finally, when you are making choices in healthcare it is also necessary to consider the parameter of Justice, to ensure that everyone receives the same level of care.

For these reasons it is essential, before embarking on a treatment or provide a healthcare service, to carefully consider whether it is appropriate and consistent with the overall good of the patient. We can summarize the reference values in health care in: patient-centered, clinical excellence, medical scientific and technological innovation, transparency and completeness in communication, professional enhancement of human capital, security, honesty.

The ethical framework is the document that gathers and rationalizes the ethical issues, defines the guidelines and procedures for management at all levels. The ethical framework contains guidelines, best practices, rights, duties and responsibilities that healthcare organizations can take specifically, on condition of reciprocity, in relation to their internal and external stakeholders: users, health care personnel and administrators, organizations representatives, consultants, government, referring physicians, suppliers and contractors, partners, insurance companies and social security institutions, associations, media and the community.

The course aims at presenting a framework of ethical and behavioral guidelines that are made available to healthcare professionals to deal with ethical choices and to understand what may be, in the context of healthcare organizations, the tools available, codes, regulations and ethics committees. It also explains how the dimension of ethics is inherent in every action, choice and relationship and how this affects both the patient and the staff.

Examples of real cases with ethical implications will also be presented that may be encountered in the daily reality of an healthcare organization and guidelines will be given to address them.

Acquisition of technical and professional skills
Participants will gain specific skills on how to use specific guidelines and forms for reporting ethical issues and the management of situations with ethical implications.

Acquisition of process skills
Participants will gain specific skills on the process of managing ethical issues in healthcare.

Acquisition of system skills
Participants will gain specific skills on the development of ethical guidelines and the management of ethical related issues within the context of a healthcare quality system.

Titolo:La Gait Analysis (Analisi del Movimento) nella Pratica Clinica come strumento diagnostico personalizzato per la valutazione delle alterazioni posturali e del movimento
A chi si rivolge:Medici, fisioterapisti, tecnici ortopedici, specialisti in scienze motorie, podologi
Date di apertura corso:Dal 5 novembre 2014 (data a partire dalla quale sarà possibile iscriversi al corso) al 5 novembre 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:10 ore
Crediti formativi ECM:10
Responsabile scientifico:Alessandro Buriani
Docenti:Renato Villaminar, Giuseppe Marcolin
Verifica apprendimento:Test a scelta multipla
Quota di partecipazione:50,00 euro + IVA
Descrizione:

L'analisi del movimento computerizzata ha riempito un vuoto nella pratica clinica per l'osservazione oggettiva delle alterazioni posturali e del movimento, spesso associate non solo a contesti riabilitativi ed ortopedici ma anche in altri settori di interesse clinico, come ad esempio alcune patologie neurologiche. Il corso presenta la tecnica diagnostica dell'analisi del movimento con sistema optoelettronico, che si basa sulla registrazione filmata e l'analisi computerizzata tridimensionale di marcatori riflettenti applicati su specifici punti del corpo durante il movimento. Una volta eseguite le riprese e condotta l'analisi da parte di personale tecnico altamente specializzato, il medico fisiatra compila quindi un referto diagnostico.

Il corso pertanto è soprattutto finalizzato alla comprensione da parte del personale sanitario:

  • dell'applicazione clinica nella gestione del paziente, nei vari contesti dove lo studio del movimento possiede un valore applicativo: neurologia, fisiatria, medicina dello sport, medicina legale, ortopedia, podologia ecc…
  • delle modalità di refertazione a partire dal report tecnico
  • dei referti medici di analisi del movimento e del loro utilizzo nelle scelte terapeutiche e riabilitative

Il fisioterapista e il tecnico ortopedico, inoltre avranno la possibilità di approfondire il senso e le modalità di questa analisi che sta acquistando una crescente importanza in ortopedia e in riabilitazione, come anche nello studio del gesto e della performance sportiva. Saranno anche dati elementi introduttivi alla tecnica esecutiva di sessioni di analisi del movimento con sistema optoelettronico.

I partecipanti avranno innanzitutto le indicazioni degli ambiti clinici di applicazione della tecnica diagnostica. inoltre saranno fornite le nozioni necessarie ad acquisire le conoscenze di base per la comprensione dell'analisi del movimento con sistemi optoelettronici. Successivamente i partecipanti avranno la possibilità di vedere come la tecnica viene utilizzata, anche attraverso l'analisi di casi clinici. la preparazione del referto medico a partire dal report tecnico, rappresenterà uno dei momenti importanti del corso, anche attraverso la lettura e la interpretazione di esempi reali.

Acquisizione competenze tecnico-professionali. i partecipanti acquisiranno competenze sull'utilizzo delle strategie diagnostiche che si avvalgono dell'analisi del movimento (gait analysis) nei vari contesti clinici e della lettura corretta dei report clinici. Inoltre saranno acquisite competenze e conoscenze sulle tecniche utilizzate per condurre l'analisi del movimento con sistemi optoelettronici e la sua applicazione a specifici quesiti clinici.

I partecipanti, dopo l'iscrizione on line, potranno accedere ai materiali introduttivi dedicati alla presentazione dei contesti clinici di applicazione e della gait analysis. Dopo il tempo necessario alla lettura i partecipanti dovranno superare un test costituito dalla raccolta di "parole civetta", ovvero parole fuori contesto, inserite artificiosamente all'interno dei testi, che devono essere tutte individuate e scritte negli appositi spazi. Superando il test delle parole civetta i partecipanti potranno procedere con il resto del corso. La seconda sessione è rappresentata da una presentazione sulla gait analysis, sia sul piano clinico che tecnico, che include la descrizione della strumentazione e dei metodi. Al termine delle sezioni, i partecipanti dovranno superare test di apprendimento dei concetti presentati, per procedere agli step successivi. L'ultima parte prevede la presentazione di alcuni casi clinici in cui è stata applicata la gait analysis, con presentazione del caso clinico, dei report dell'analisi del movimento e del referto della gait analysis, che ne rappresenta la trascrizione medica. Al termine i partecipanti dovranno relazionare sulle ricadute nei trattamenti/interventi fisioterapici e/o medici delle conoscenze derivanti dall'analisi e suggerire la gestione del paziente in base a questi. La relazione sarà ovviamente diversa da parte di medici e da parte di altro personale sanitario. Il docente darà quindi un feedback sulle relazioni.

Test: Questionario finale con domande con risposte a scelta multipla e solo nel caso di risposte esatte per almeno il 75% del totale la prova sarà considerata superata.

Titolo:Prevenzione e controllo infezioni: misure di igiene respiratoria
A chi si rivolge:Tutte le professioni. nel caso di operatori sanitari, saranno assegnati 4,5 crediti ECM
Date di apertura corso:Dal 12 novembre 2014 (data a partire dalla quale sarà possibile iscriversi al corso) al 12 novembre 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:3 ore
Crediti formativi ECM:4,5
Responsabile scientifico:Stefano Fortinguerra
Docenti:Lisa Volpato
Verifica apprendimento:Questionario finale con risposte a scelta multipla
Quota di partecipazione:25,00 euro + IVA
Descrizione:

L'igiene respiratoria riguarda gli elementi fondamentali per la prevenzione e il controllo delle infezioni trasmissibili per via aerea e attraverso droplet e l'adesione alle precauzioni standard da seguire in caso di tosse, raffreddore e malattie respiratorie.

L'obiettivo del corso è illustrare le misure del cosiddetto "galateo della tosse" per il contenimento delle secrezioni respiratorie di persone con segni e sintomi di infezione respiratoria. In maniera particolare vengono trattati i fattori di rischio nelle strutture sanitarie, legati a situazioni di affollamento nelle sale di aspetto, al rischio di epidemie stagionali di infezioni respiratorie virali e alla forte affluenza di persone anziane e vulnerabili. Vengono presentate nello specifico le raccomandazioni della campagna "Cover your cough!" del CDC sulle misure di igiene respiratoria. per favorire l'apprendimento verranno messi a disposizione dei materiali specifici e un tutor sarà disponibile per approfondimenti e chiarimenti.

Acquisizione competenze tecnico-professionali: Saranno acquisite competenze sui comportamenti da adottare in caso di malattie respiratorie, secondo le raccomandazioni della campagna "Cover your cough" del Center for Disease Control (CDC), per limitare la diffusione di infezioni trasmissibili per via aerea e per droplet, con particolare attenzione alle organizzazioni sanitarie.

L'evento avviene tutto in modalità FAD (autoapprendimento con tutoraggio).

- Prima sessione: nella prima sessione verrà introdotto il tema della trasmissione delle infezioni per via aerea e attraverso droplet, con particolare attenzione alle specifiche situazioni legate agli ambienti sanitari. Un test permetterà il passaggio alla sessione successiva.

- Seconda sessione: nella seconda parte del corso verrà presentata la campagna "Cover you cough!" del CDC (Centers for Disease Control and Prevention), anche attraverso alcuni link di approfondimento. verranno illustrati nel dettaglio le misure di igiene respiratoria per il contenimento delle secrezioni respiratorie in caso di tosse o raffreddore, in un'ottica di prevenzione e controllo delle infezioni.

Titolo:Ruolo delle non technical skill nell'errore in ambito sanitario
A chi si rivolge:Tutte le professioni. nel caso di operatori sanitari, saranno assegnati 15 crediti ECM
Date di apertura corso:Dal 20 novembre 2014 (data a partire dalla quale sarà possibile iscriversi al corso) al 20 novembre 2015
Informazioni:Scrivere a elearning@cybermedica.it o chiamare 049.865.03.74 in orario di ufficio
Durata stimata:10 ore
Crediti formativi ECM:15
Responsabile scientifico:Stefano Fortinguerra
Docenti:Stefano Fortinguerra, Alessandro Buriani
Verifica apprendimento:Questionario a scelta multipla
Quota di partecipazione:75,00 euro + IVA
Descrizione:

L'applicazione dell'analisi degli eventi avversi indica che le Non-Technical Skill (NTS) sono tra le cause più frequenti d'errore nelle organizzazioni sanitarie. In questo contesto le tecniche per la gestione della sicurezza basate sull'analisi del comportamento, si sono rivelate uno strumento efficace ed hanno permesso lo sviluppo di un sistema di indicatori comportamentali in grado di identificare le NTS e di definire training specifici per gli operatori sanitari. Come in tutte le organizzazioni ad alta affidabilità, anche in ambito sanitario si sta diffondendo sempre di più la necessità di promuovere programmi formativi volti a sviluppare le NTS per aumentare il livello di affidabilità e di sicurezza, utilizzando un modello messo a punto in aviazione, il Crew Resource Management (CRM). Su questo modello infatti da alcuni anni sono stati implementati il sistema ANTS (Anaesthetists' Non-Technical Skills), nel settore anestesiologico e il sistema NOTSS (Non-Technical Skills for Surgeons) in quello chirurgico, che hanno permesso di identificare le NTS maggiormente utilizzate e di realizzare training specifici per svilupparle e supportarle. In un recente studio è stato dimostrato come gli errori diagnostici più frequenti in ambito ambulatoriale siano gli errori medici. Ulteriori studi hanno inoltre evidenziato come tra gli errori in medicina primaria vi sia un'elevata percentuale di eventi avversi gravi, che portano a disabilità o morte (20%). Da questi studi emerge che l'errore diagnostico rappresenta una causa di contenziosi giudiziari e di pagamenti per malpractice molto frequente, anche rispetto ad altri ambiti, come gli interventi chirurgici, le procedure ostetriche ed i trattamenti terapeutici. Inoltre gli errori diagnostici avvengono prevalentemente (66% dei casi) a livello ambulatoriale e non a livello ospedaliero. Altri studi mostrano come nell'ambito della diagnostica per immagini il 3-5% delle interpretazioni radiologiche contenga errori legati ad aspetti percettivo-interpretativo delle immagini. Il corso si focalizza sulla presentazione, prima generale delle NTS e poi, più specifica, sulle loro applicazioni in ambiti sanitari specifici. Il corso inoltre fornirà un esempio pratico sull'identificazione delle NTS in un contesto di servizi sanitari, nello specifico si tratterà di NTS utilizzate dagli operatori di un'unità di diagnostica per immagini ambulatoriale e verrà illustrata l'analisi del loro ruolo nella genesi degli errori.

Il corso ha l'obiettivo di presentare il ruolo delle non tecnica skill nell'errore in ambito sanitario attraverso la presenta zione di elementi teorici e esempi pratici in cui tra l'altro i partecipanti potranno esercitarsi e scambiare idee con docenti e altri partecipanti attraverso un apposito forum. Inoltre i partecipanti potranno esercitarsi nel riconoscere le non technical skill di ambienti sanitari ambulatoriali come ad esempio l'ambiente della diagnostica per immagini.

Acquisizione competenze tecnico-professionali: I partecipanti acquisiranno conoscenze e competenze generali su come riconoscere l'importanza delle non techinical skill negli errori in ambito sanitario. I partecipanti acquisiranno inoltre conoscenze di tecniche specifiche per l'analisi delle non technical skill.

Dopo l'iscrizione on line al corso, verranno forniti ai partecipanti materiali introduttivi e di approfondimento sull'argomento delle non technical skill (NTS) in ambito medico -clinico e la loro relazione con il rischio e l'errore nelle strutture sanitarie. La verifica della lettura di alcuni materiali di consultazione verrà effettuata tramite l'identificazione di "parole civetta". Si tratta di parole fuori contesto inserite appositamente nel testo da leggere e che devono essere riconosciute e riportate nell'apposito spazio dal lettore, per poter procedere alla fase successiva del corso.

Dopo aver fornito gli elementi conoscitivi generali e specifici sulle NTS in ambito sanitario, il corso prosegue presentando un caso reale condotto all'interno di un'unità radiologica ambulatoriale e, anche con l'assistenza del docente/tutor, che sarà a disposizione dei partecipanti in questa fase, saranno approfonditi gli aspetti specifici riscontrati in questo ambito. In particolare lo studio presentato illustrerà risultati che indicano come:

  • le NTS contribuiscano in maniera rilevante alla genesi degli errori diagnostici,
  • il team-working e la comunicazione rappresentino aspetti comportamentali importanti per ridurre gli errori diagnostici,
  • training specifici per sviluppare le NTS sono necessari per migliorare la qualità e la sicurezza delle attività diagnostiche.
  • i risultati dello studio assumono ancora maggiore rilevanza nella riduzione degli errori diagnostici se si tiene conto che tali errori sono destinati ad aumentare a causa dell'invecchiamento della popolazione e dell'aumento di pazienti con patologie croniche e comorbidità che richiedono procedure diagnostiche sempre più complesse.

I partecipanti potranno porre quesiti al docente sugli gli argomenti del corso e proporre argomenti per la discussione collettiva in un apposito forum a cui i partecipanti potranno continuare a partecipare anche dopo aver concluso il corso.

Il corso si conclude con un test a scelta multipla e le risposte corrette dovranno essere almeno il 75% del totale. Il test finale potrà essere ripetuto.